Ai Comuni dell’Emilia-Romagna oltre 9 milioni. L’assessore Patrizio Bianchi: “Finanziamenti importanti per favorire inclusione e successo formativo”

Sono stati approvati dalla Regione i criteri di riparto per trasferire ai Comuni ed Unioni di Comuni dell’Emilia-Romagna le risorse del fondo statale straordinario destinato alle funzioni e ai servizi di assistenza a favore degli studenti disabili delle scuole secondarie di secondo grado.

Oltre 9 milioni di euro sono le risorse attribuite quest’anno all’Emilia-Romagna per garantire i servizi di trasporto le funzioni di assistenza per l’autonomia e per lacomunicazione personale ai ragazzi con disabilità fisiche e sensoriali.

Le risorse nazionali, che per il 2019 salgono a 100 milioni di euro (erano 75 nel 2018) sono state ripartite tra le Regioni sulla base del numero degli alunni con disabilità, assegnando all’Emilia-Romagna la somma di 9 milioni e 300mila euro.
Alla Città metropolitana di Bologna va 1 milione e 988mila euro, alla Provincia diFerrara quasi 850mila euro, a Forlì-Cesena 578mila euro, a Modena 1 milione e 645mila euro, a Parma 950mila euro, a Piacenza quasi 580mila, a Ravenna oltre 698mila euro, a Reggio Emilia 1 milione e 412mila euro e a alla provincia di Rimini630mila euro.

Con queste assegnazioni i Comuni organizzano il servizio di trasporto tra casa e scuola e i servizi di autonomia e comunicazione personale agli studenti con disabilità fisiche o sensoriali.