Francesca Marchetti e Roberto Poli: “Sostegno al volontariato che si impegna per realizzare eventi dal valore storico e culturale”

Approvata la legge regionale sulle rievocazioni storiche in Emilia-Romagna. Favorevoli Pd, SI e Lega, astenuti M5S, FdI-An e Forza Italia.

La legge prevede che le associazioni che organizzano o partecipano a manifestazioni storiche con alle spalle una regolarità di svolgimento di almeno dieci anni, possano iscriversi a un apposito elenco, rientrare nel calendario annuale regionale degli eventi e utilizzare un marchio a loro dedicato. Ogni anno la Regione metterà a bando contributi destinati da un lato all’organizzazione degli eventi, dall’altro a progetti di conservazione e restauro del patrimonio costituito da costumi e attrezzature utilizzati nelle manifestazioni. Nel bilancio di quest’anno sono previste risorse per 150mila euro.

“Con questa legge, che insieme ad altri colleghi consiglieri Pd abbiamo redatto e presentato la scorsa estate – spiega la consigliera regionale Francesca Marchetti – diamo il giusto riconoscimento a tutte quelle associazioni, e sono numerosissime, che nella nostra terra collaborano con generosità e passione a realizzare eventi che non hanno solo una valenza storica e culturale, ma sono anche il collante che tiene insieme tante persone. Dietro allo spettacolo, alle competizioni e al lavoro di ricerca e studio c’è un mondo, quello del volontariato, che svolge una vera e propria azione di coesione sociale attorno all’organizzazione di questi momenti”.

Unitamente alla legge il Partito democratico ha presentato una risoluzione per chiedere una specifica attenzione ai carnevali storici.

“Le rievocazioni storiche affondano profondamente le radici nel passato. – richiama il consigliere regionale Roberto Poli – Nel complesso si tratta di eventi che definiscono la nostra identità ma che sanno riproporsi al pubblico garantendo partecipazione e coinvolgimento sia per i cittadini, sia per i turisti”.

 

ALLEGATO

Articolo Corriere di Romagna_Rievocazioni storiche